L'ANGOLO POETICO

 

A RITA

 

 

 

Signore, stasera lassù

 

accendi un’altra stella,

 

che brilli di luce propria

 

sia sfavillante e bella,

 

così che da quaggiù

 

la si possa ammirare,

 

e nel suo splendore

 

la nostra Rita ricordare.

 

 

 

Che oggi hai chiamato a Te

 

Signore benedetto,

 

là dove accogli i Santi

 

ed ogni figlio prediletto,

 

là dove stuoli di angeli

 

con acrobatici voli,

 

inseguono arcobaleni

 

e scenari multicolori.

 

 

 

Là dove oggi brilla

 

la nostra stella migliore,

 

cullata dai venti siderali

 

che è il respiro tuo Signore,

 

là dove per ogni nuovo arrivo

 

Tu accendi un lumicino,

 

in noi accendi la speranza

 

di aver ancor vicino.

 

 

 

La nostra cara Rita

 

con Riccardo sul sentiero

 

e noi di Speleotrekking

 

che ancor non ci par vero,

 

d’aver perso Rita

 

ch’era sorella e mamma,

 

col garbo e quel sorriso

 

che di ricordi infiamma.

 

 

 

Noi siam solo uomini

 

Signore onnipotente,

 

e ad ogni tua chiamata

 

dobbiamo dir presente,

 

conforta il nostro dolore

 

che ormai ci rende esausti,

 

e concedi alla nostra Rita

 

il sonno pio dei giusti.

 

 

 

Lorenzo Martina (30 Aprile 2016)

 

ALL'ULIVO

 

 

Liquida luce dorata

distilli goccia a goccia

a me che trasognata

miro le verdi foglie tue

volgersi in bagliori argentati

e le radici forti

così fuse alla roccia

che par che l’unità

sia riflesso di te

e con te nata.

 

Il mare in lontananza

rappreso là nel cielo

accentua il tuo bagliore

sì che si serran gli occhi

per il troppo splendore.

 

Il tuo silenzio parla

d’infinita pazienza,

di un’antica memoria

radicata nel tempo

di secolare storia.

 

Racconta leggenda

 che il legno tuo

non volesti prestare

a chi  strumento di crocifissione

ne voleva fare,

e così ti piegasti

riannodando entro te

tutto l’orrore

per simile mercé.

 

Ancor oggi mi turba

udire il tuo lamento

sommessamente vibrar

nel mio cuore e nel vento,

sì che dal profondo di me

io ti voglio abbracciare

e fondermi dentro te,

nella tua stessa essenza,

tu simbolo della mia terra

così forte e scontrosa

nella sua susssistenza.   

IL PONTE DELLA FRATELLANZA

ARMONIOSA SPUNTA L’ALBA
IN QUESTA AGORÁ
CHE SI APRE PRIMA DELLE MURA DI OTRANTO.
IL VECCHIO SAGGIO IDROFORO
SOLLEVA LA SUA ANFORA
CONTENENTE
L’ACQUA DELL’ADRIATICO
MENTRE IL BIANCO LEONE
CHIAMA A RACCOLTA
DAME E CAVALIERI
CHE UNITI IN DRAPPELLO
ED IN PUNTA DI PIEDI
PER NON RECAR DISTURBO
AL SONNO
DEI NOSTRI AVI
PERCORRERANNO LA VIA
CHE DA
OTRANTO
ARRIVA
A GALLIPOLI.
NEL LUNGO CAMMINO
NASCE SPONTANEO
IL FIORE DELLA FRATELLANZA
CHE INFOLTISCE
LE FILE DEL DRAPPELLO
GIA DA SEMPRE PRONTO
A DISSETAR
I POPOLANI
ASSETATI DI CONOSCENZA.
OR CHE GIUNTI SONO
ALLA FINE DEL CAMMINO
IL VECCHIO SAGGIO IDROFORO
CON GARBO E MAESTRIA
PASSA L’ANFORA
AI GIOVANI IDROFORI
CHE SOTTO
L’ATTENTA GUIDA
DEL VECCHIO SAGGIO
E
DEL BIANCO LEONE
CREANO CON SAPIENZA
TRA L’ADRIATICO E LO JONIO
UN MAESTOSO PONTE
DI
PACE E FRATELLANZA.

Poesia di LEON (Aprile 2016)

 

Preghiera dell’Escursionista

 

 

 

Signore onnipotente

 

e di bontà infinita,

 

Tu che governi il tempo

 

e sei padrone della vita,

 

noi siamo escursionisti

 

in cammino sul sentiero,

 

guida i nostri passi

 

proteggici dal cielo..

 

quando ci inoltreremo

 

per antri e selve oscure,

 

scaccia da noi Signore

 

le ansie e le paure:

 

Fa si, che il sentiero

 

sia di fede e luce infinita,

 

di etica escursionistica

 

nello sport e nella vita.

 

 

 

Noi uomini di fede

 

confidiamo in Te Signore,

 

proteggi le nostre famiglie,

 

alle gambe dai vigore,

 

aiutaci a custodire

 

la natura e il territorio,

 

da chi deturpa o inquina

 

con arroganza o dolo.

 

 

 

E se un giorno, Signore

 

ci chiamerai in cielo,

 

sappi che il giorno prima

 

eravamo sul sentiero

 

a far grandi escursioni

 

con Speleotrekkingsalento,

 

su e giù per la natura

 

sfidando pioggia e vento:

 

per questo, oh! Signore

 

se ci vorrai in paradiso,

 

dacci ampi prati verdi

 

e alla morte faremo buon viso,

 

purchè anche lassù

 

ci sia da camminare

 

e con etica escursionistica

 

l’aldilà poter esplorare.

 


Poesia di Lorenzo Martina (Dicembre 2015)

 

LECCE  

Tornare ancora

come ogni giorno

a festeggiar colori

che nel tripudio

della tua pietra dorata

ti cingono

come fiori d’un giardino sempre nuovo,

mentre rispecchi il cielo

e il cielo ti riverbera,

sontuosamente

assisa tra i mari

che riversano verso l’alto

il loro cobalto,

gli spazi, rovesciando

le prospettive e i sensi.

 

E tu

nascosta trattieni

la tua sensualità

nei viottoli

dov’ancora antichi calpestii

risuonano

sulle dure “chianche”,

dai passi levigate

nel tempo.

 

Ti ha sfiorata appena

la modernità

mentre rinasci sempre uguale

ma ogni volta diversa

giorno dopo giorno.

 

Trionfo

d’arabescate forme

e ornamenti sinuosi,

profondità di geometrie

aranciate

dal sole…al tramonto.

 

E gli  archi della piazza

riecheggiano

suoni d’antiche,

dimenticate gesta

e noi passiamo,

dall’immemore presente

alienati,

vivendoti  mentre…moriamo.

 

Ma tu resti,

stagioni spossessando

e gli anni e i secoli

a rammentar la storia;

dura come la tua persistenza,

morbida come la tua pietra,

luminosa come i meriggi

accesi sulle tue case,

sfuggente come i vicoli

che s’affossano rapidi

nelle tue chiuse corti,

mentre cristalli accendi

sui frattali dorati del barocco

 

e riposi

languidamente scontrosa

come su un sofà…

nella tua aura di vento e di sole.

 

Poesia di Bruna Caroli (novembre 2015)

Quannu lu ientu scotula l’aulie

 

Quannu lu ientu scotula l’aulie,
le mina tutte ntèrra ncòra ie ie,
ci cate intru la cappa ci intru lu trafeiu,
ormai su sùlu bone cù ncì faci l’eiu.

Ca…rìzzane subetu ncìgnane a ruculare
ràggiate l’arviru continuane a guardare,
pensane a quandu zèccate alla fugghiazza,
te lu boscu eranu perle, te la megghiu razza.

Quannu lu ientu scotula l’aulie,
Sentu ca mè scotula puru a mie,
strapazza la fronza spezza quarche ramu,
ncùpisce lu core stù ientu cusì stranu
.
Mpàura l’anemali fisca intru li tumi,
Te li fiuri se ndè porta petali e profumi,
a cìnca tròa nànzi nu né sparagna sorte,
ci resti chiusu a casa scascia fenesce e porte.

Quistu nun è lu solitu ièntu te ciroccu,
quannu nc’è stù ièntu ieu sanu mè toccu,
cà nù scazzeca sulu reume o tae custipu,
stù ientu lu manda Diu cu ncì tae castigu.

E quannu stù ièntu scotula l’aulie,
ieu mè sentu sùlu se… nu cì si tie,
perciò amore miu restame appressu,
quannu tira stù ièntu sù n’omu persu.

E ndè chiedu allu Signore, nù mè scutulare,
pigghiatela cu l’aulie a mie famme campare,
la sacciu ca tieni tanta tanta ragione,
m’aggiu fattu rande nù so chìui vagnone.

Poi ci mè ndè puerti, ma dire a dò mi ficchi,
lassame n’audru pocu tegnu figghi piccicchi,
quiddra muierema ci cattia se màrita ntòrna,
la sai ca puru te muertu tispiacune le corna.

Defriscate nù pocu stamu sutta a Natale,
mienzi né la purtati l’autri stanu all’uspitale,
nù ròvenà famiie stai sempre cu rintuzzi,
a npace fanne mangià stì quattro purcedruzzi.

Pigghiate le ricchezze ma lassame gambe e vista,
cù me cotu stà natura da veru escursionista
tamme sentieri novi Signore,ccìtime te fatica,
squartame cù spine e rovi ca te ticu benetica.

Famme camenà ncòra pe stù Salentu surriale,
ca mè pare nù prisepiu specie sutta a Natale,
mbriàcame te celu, sule, mare e ientu,
te culuri e profumi nfòcame e nù mè lamentu.

Ma! Calma stù ientu tou ca…dò fiocca fiocca,
giovani randi e piccinni tutti ndè li porta,
e comu aulie lì spinge versù drù frantoiu,
Signore! ta scerratu ca nù simu boni mancu pe l’oiu.


Poesia di Lorenzo Martina (gennaio 2011)

 

 

CAMACI…O SCURSIONISTI
Simu 'nu gruppu te amici
tutti compatti, tutti decisi.
Nu temimu l'acqua, lu friddu, lu jentu
'nde chiamamu, SpeleoTrekkingSalentu.

E…quando la gente, 'nde vite passare
nu la spiccia mai, te…criticare;
A du vanu camenandu, tutti sti esauriti
puru le fimmane, appressu li mariti.

Forse suntu zingari, oppuru clandestini
o…vane a prucessione, peccè su pellegrini

Qualchetunu pensa…mò chiamu la Finanza
Ma no! Tice l'autru, scursionisti suntu
e…pe lu camenare, tenune costanza.

Li scursionisti su bbueni, nu fannu male a ceddhi
rispettane la natura, nu ccitenu l'auceddhi.
C'è natura e natura, sbotta la cummare
quisti camaci suntu, senza voglia te faticare.

Pilastru te lu gruppu, ete na beddha cristiana
tantu, tantu alla manu, tutta china te vita
tice ca etè professoressa, te nome face Rita.

Spiega cose antiche, vuai ci disturbi mentre parla
iddha tutta se 'ngrifa, iddha tutta sé ncagna
però te masserie, rovine, chiese e castelli
'ndè tice lu intru, lu fore, cu tutti li fardelli.

Te li menhir poi, ndee tice lu vangelu
su petre longhe, longhe ca vuardane lu cielu.
ta lu bretone men: petra, hir: longa, vene fori petra longa
e…cinca passa te quai, lu pensieru agli avi ponga.

Misca tuttu, quando spiega a quattru mani
Turchi, Greci, Messapi e Monaci Basiliani.
Cu parla te antichità, nu perde mai occasione
puru intra lu suennu, spessu ripete la lezione.

Nmiezzu a nui c'è n'omu, armatu te fischiettu;
iddhu nu bè arbitru, né capustazione
ete speleologo e pe lu pertusu tene vocazione.

Sempre, sempre scapeddreciatu
cu la barba, ca ndè scunde ricchie e mentu
parmu a parmu, se camina tuttu lu Salentu.

e… te Vernule a Strudà, te Vaste a Badiscu
macena, chilometri e chilometri
e nu se lamenta mai, lu viti sempre friscu.

La malatia ca tene, ete brutta brutta
peccè, te vore, grotte e paiare, la tice sempre tutta.
Cu te lu faci amicu poi…basta nu sguardu
se presenta subetu, piacere so Riccardu.

E ci…strada facendo
lu giovinottu, la zzita cerca cu se frega
Riccardu tice preciatu:
bbè la ticu sempre, ca lu trekking aggrega!

Jeu me tròu bbuenu, intru stu gruppu
isciu tuttu onestu, senza ngannu, senza truccu
nu visciu mai invidia, e mancu vvuantu
regna assai lu risu, e mai lu chiantu

Ete nu volanu, te grande aggregazione;
Già prima cu partimu, nde offrimu colazione
e…cu l'Antoniu, lu Mariu, lu Nzinu
quando mangiamu, nde scangiamu lu vinu.

E poi… camina oce camina crai
tra…'na macchia, 'na rupe, 'nu sentieru
cerca! Ca puetì ttruare l'amore, quiddhu veru.

Poesia di Lorenzo Martina (gennaio 2010)

 

Trekking
Su sentieri alberati
da ulivi contorti,
tra muri di pietre poggiate nell'erba,
tra fiori e paesaggi multicolori…
camminiamo e parliamo senza timore,
senza un confine, senza un perché…un nome.

Amici miei non conosco i vostri passi, il vostro tempo…
Cosa vi spinge, come me, a cercare altre anime
per trovare, forse, uno sconosciuto colore nella terra
e tra i campi di nessuno…

Camminiamo ed intanto scambiamo il vissuto,
il vivere e forse…un vivrò.
Non conosco un perché,
non conosco…ma necessitiamo.

Poesia di Ottavio Molendini (maggio 2002
)